CATALOGO ASTA 47
ASTA 47 - LIBRI, INCISIONI, DIPINTI ANTICHI - OGGETTI D'ARTE E DIPINTI XIX - XX SECOLO
19 MAGGIO 2011

116



Antonio De Bellis

San Sebastiano ritrovato da Sant'Irene con la sua ancella dopo il supplizio delle frecce


olio su tela
cm 154x127

Il soggetto del dipinto è tratto dalla Passio di San Sebastiano, dalla 'Depositio martyrum' (354 d.c.) e da altre fonti tardo-antiche secondo cui il santo, che era tribuno (militare di alto rango alla corte imperiale di Roma), tenne nascosta la sua fede per aiutare i Cristiani perseguitati da Diocleziano. Dopo la scoperta della sua opera di assistenza Sebastiano fu condannato ad essere trafitto dalle frecce; legato ad un palo in una zona del Colle Palatino, fu colpito da così tante frecce da essere creduto morto dai soldati e lasciato in pasto agli animali selvatici. Ma la nobile Irene, andata a recuperarne il corpo per dargli sepoltura, si accorse che il tribuno non era morto e, portatolo nella sua casa sul Palatino, lo curò dalle numerose lesioni. Miracolosamente Sebastiano riuscì a guarire e, alla ricerca del martirio, decise di proclamare la sua fede davanti a Diocleziano e al suo associato Massimiano.

Siamo grati al Professor Riccardo Lattuada che, dopo aver visionato personalmente il dipinto, ha avanzato l'attribuzione ad Antonio de Bellis in un momento di forte consonanza con i modi di Bernardo Cavallino e del suo stesso maestro Massimo Stanzione; il presente dipinto va datato verso il 1640-45, in prossimità del 'Ritrovamento di Mosè' di de Bellis a Londra; National Gallery of Art, per le similarità nei tipi fisici, per la tavolozza accesa dal rosso e dal bianco dei panneggi di San Sebastiano e per il viigoroso impianto del chiaroscuro.

Stima

€ 20.000,00 - € 25.000,00

CONTATTA IL DIPARTIMENTO


Anna Cesare

anna.cesare@blindarte.com
+39 081 2395261