CATALOGO ASTA 47
ASTA 47 - LIBRI, INCISIONI, DIPINTI ANTICHI - OGGETTI D'ARTE E DIPINTI XIX - XX SECOLO
19 MAGGIO 2011

111



Lorenzo De Caro

Presentazione di Gesù bambino al tempio per l'offerta lustrale

siglato
olio su tela
cm 130x104

Esposizioni: La mostra della pittura napoletana dei secoli XVII, XVIII e XIX, Castel Nuovo, Napoli, 1938

Bibliografia: La mostra della pittura napoletana dei secoli XVII, XVIII e XIX, catalogo della mostra,Napoli, 1938, pp.154-155; p.332, n. 15
N. Spinosa, La pittura napoletana da Carlo a Ferdinando di Borbone, in AA.VV., Storia di Napoli, vol.VIII, Cava de' Tirreni, 1971, p. 496;
N. Spinosa, voce \"De Caro, Lorenzo\", in AA.VV., Dizionario Enciclopedico Bolaffi dei Pittori e degliIncisori Italiani dal XI al XX Secolo, vol. 3, Torino, 1972, p. 84;
F. Bologna, Gaspare Traversi nell?Illuminismo europeo, Napoli, 1980, p. 67;
M.A. Pavone, voce \"De Caro, Lorenzo\", in AA.VV., Dizionario Biografico degli Italiani, vol. XXXIII, Roma, 1987, p. 468;
N. Spinosa, Pittura napoletana del Settecento dal Rococò al Classicismo, Napoli, 1987, p. 72 (nella scheda n. 12);
G. De Caro-M. Marini, R. Pinto, Lorenzo De Caro. Pittore del '700 napoletano, Salerno-Milano, 2005, pp. 53, 54 fig. 9; 128-129.

Il presente dipinto è tra quelli maggiormente noti nella produzione di Lorenzo De Caro, uno degli esponenti più colti e raffinati della pittura a Napoli alla metà del Settecento. Formatosi presso Francesco Solimena, Lorenzo De Caro si mostra sin dalle sue prime opere una personalità indipendente, in grado di interpretare in modi del tutto autonomi un vasto repertorio di storie a tema religioso - più raramente di soggetto profano o mitologico - mostrando uno spirito e un gusto formale molto vicini a quelli di seguaci austriaci dell?ultimo Solimena come Bartolomeo Altomonte e Daniel Gran.

Il presente dipinto (per il cui soggetto cf. Luca, 2,22-39) dovrebbe situarsi nella sesta decade del Settecento, quando De Caro raggiunge il massimo impatto sull'ambiente artistico napoletano \"attraverso la scompaginazione degli schemi originari [di Solimena] e l'accelerazione dei ritmi compositivi, in soluzioni di raffinata atmosfera laica e mondana, anticlassica e antiaccademica\" (N. Spinosa, Pittura napoletana del Settecento dal Rococò al Classicismo, cit., p. 72).

Stima

€ 40.000,00 - € 60.000,00

CONTATTA IL DIPARTIMENTO


Anna Cesare

anna.cesare@blindarte.com
+39 081 2395261