CATALOGO ASTA 78
ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA + DESIGN
26 MAGGIO 2016

41



Michele Cascella

Milano

Firmato e datato Michele Cascella Milano 1957 in basso a destra
Olio su tela
cm 70x100
Eseguito nel 1957


Provenienza: Studio d’Arte Elite, Milano (come da timbro sul retro);
Collezione A. Calestani

Esposizioni: Michele Cascella / La gioia di vivere, Museo Michetti, Francavilla al Mare, 13 luglio – 7 settembre 2008

Bibliografia: Catalogo ragionato generale dei dipinti di Michele Cascella, a cura di Giuseppe Bonini, edito da Giorgio Mondatori, Milano 1988, pagina 229, figura 57/24;
Michele Cascella / La gioia di vivere, a cura di Vittorio Sgarbi, edito da Skira, Milano 2008, pagina 74 (illustrato) e pagina 106, n. 47

Si ringrazia l'Archivio Michele Cascella, a cura di Torcular srl, Milano, per aver confermato per e-mail l'autenticità dell'opera

Michele Cascella è stato uno dei grandi esponenti del paesaggismocrepuscolare italiano. Iniziato alla pittura da suo padre Basilio, esordisce nel1907 esponendo presso le sale della Famiglia Artistica Milanese. A questaesposizione ne seguono numerose altre, sia in Italia che in Francia, e ilcrescente apprezzamento da parte del grande pubblico unito ai riconoscimentiricevuti da artisti e intellettuali del suo tempo - tra i quali Carlo Carrà e il poetaClemente Rebora - lo porteranno definitivamente al successo: dal 1928 al1942 sarà presente a tutte le edizioni della Biennale di Venezia, all’interno dellaquale, nel 1948, gli viene dedicata una sala personale. Tra la sua produzioneun posto di rilievo è occupato dalle raffinate vedute delle città che l'artistavisita durante i suoi numerosi soggiorni. Gli scorci del capoluogo lombardo,dove si era definitivamente stabilito intorno al 1920, costituiscono uno dei temidominanti della sua pittura, riguardando sia l’illustrazione di zone centrali chedi quelle periferiche. L'opera che presentiamo, una veduta urbana di Milano, faparte proprio di questo gruppo di lavori. Nello slargo che si apre tra gli edifici, èillustrata una scena di vita cittadina in cui donne, bambini, e uomini prendonoparte alle consuete attività quotidiane. Cascella restituisce con vivacità eimmediatezza un’immagine di vita urbana alternando stesure di colore riccoe corposo a stesure più fluide e colorando di gioia di vivere la città e i suoiabitanti con una luce che sembra essere quella del primo mattino.
In un'intervista del 1928 lo stesso Cascella spiega il suo interesse per ilpaesaggio urbano: \"(...) Io dipingo col primo sole, quando la gente mattinierava al lavoro. La mattina mi piace; c'è nell'aria un'altra vibrazione, un altrocolore. Anche le cose hanno un altro carattere. Allora si vede più lontano; leprospettive sono più nitide, più definite (...) Gli aspetti della città moderna,e specialmente di questa Milano che è ormai la mia patria d'elezione, miattraevano da molto tempo, ma mi sono provato a dipingerli da qualche anno.E di Milano non mi piacciono solo le grandi arterie col loro ordinato tumulto ditraffico, ma anche certe vie e certe piazze dove pare che la modernità si riposie si metta a sognare\" (Aligi, Visite ad artisti, \"Fiera Letteraria\", 25 aprile 1928)

Stima

€ 8.000,00 - € 12.000,00

CONTATTA IL DIPARTIMENTO


Memmo Grilli

memmogrilli@blindarte.com
 

Assist

info@blindarte.com

NAPOLI | +39 081 2395261
assist@blindarte.com 

MILANO |
+39 02 36565440
assistmilano@blindarte.com