CATALOGO ASTA 96
ARREDI, PORCELLANE, SCULTURE DA PRESEPE, DIPINTI ANTICHI, DIPINTI XIX-XX SECOLO
07 DICEMBRE 2020

87



Abraham Brueghel

Mele, fichi, pere, melograni, grappoli d’uva, zucca e anguriein un tripudio di fiori con paesaggio sullo sfondo

olio su tela, cm 110x145

Il dipinto qui proposto mostra pienamente il grande talento di Abraham Brueghel, figlio di Jan Brueghel il Giovane. Formatosi con suo padre ad Anversa, le sue influenze culturali appartengono soprattutto all’Italia dove ha trascorso quasi tutta la sua carriera: ha iniziato a Roma dove è documentato dal 1659, ammesso come membro dell’Accademia di San Luca, e più tardi dal 1676, è documentato a Napoli dove il suo stile
opulento e sontuoso conosce la piena maturazione. L’attenta osservazione della natura da parte di Abraham Brueghel come si rivela nei singoli pezzi di frutta e fiori e la sua pennellata sicura e piena di temperamento evidente soprattutto nell’esercizio di pittura “pura” con cui rende gli splendidi frutti meridionali, ne stabilisce la reputazione come uno dei più importanti pittori di nature morte dell’alto barocco in Italia. Raffinatissimo esempio dell’ultima fase della produzione napoletana, da cui si evincono aspetti di insolito interesse culturale, la composizione della nostra tela, già sperimentata dall’artista fiammingo in altri dipinti certamente autografi, mostra confronti stilistici stringenti con le tele, a Napoli nelle collezioni Matarazzo e Astarita.

Cfr: Autori Vari, La natura morta italiana - catalogo della mostra - Napoli, Zurigo, Rotterdam, Milano 1964, nn. 149 e 149 bis, fig. 66 e 66 b

 

 

Stima

€ 35.000,00 - € 45.000,00

CONTATTA IL DIPARTIMENTO


Anna Cesare

anna.cesare@blindarte.com
+39 081 2395261