CATALOGO ASTA 83
ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA + DESIGN
30 MAGGIO 2017

55



Emilio Greco

Ritorno di Ulisse

Firma e data incisa Emilio Greco Roma 1965 in basso a destra
Scultura in bronzo applicata su supporto in legno
cm 125x106x16
Eseguita nel 1965

Dedica in basso a destra

Bibliografia: Il palazzo e la collezione d'arte della Tirrenia, a cura di Nicola Spinosa, Electa Napoli, Napoli 2001, pagina 105, n. 54 (illustrata)


_____

L’incisiva e raccolta collezione di sculture della Collezione Tirrenia possiedeil medesimo “spirito marino” che pervade gran parte dei quadri, dove i titoli,i temi e le suggestioni, rimandano costantemente al mondo del mare, ai suoimiti e alle sue leggende. Emilio Greco sviluppa, sin dai suoi esordi, una lineaespressiva che, muovendosi dalla tradizione classica, si arricchisce man manodi cadenze linguistiche proprie di alcuni scultori del Novecento come Martinie Manzù. Il grande bassorilievo Ritorno di Ulisse è sicuramente il capolavorodella collezione di sculture, nel quale il famosissimo tema viene trattato conl’eleganza di un modello arcaico. La ricerca di Greco conduce alla conquistadi una plasticità integra, senza fratture e al tempo stesso duttile e malleabileal sentimento della nostalgia e della bellezza. In quest’opera lo scultore,affollando la scena di personaggi che si scagliano secondo la creazione dilinee sinuose, riesce a modulare con grande eleganza l’incastro dei corpi. Unaserie di disegni inediti, relativi a quest’opera, chiarisce come l’artista sentissel’esigenza di rappresentare dei volumi puri che trasmutassero l’uno nell’altrocon fluidità e, al tempo stesso, di isolare ognuno dei personaggi in modotale che fossero singolarmente caratterizzati. L’accasciamento di Ulisse,l’emozione della nutrice e la tensione della carne sono inserite all’internodi uno sfondo creato con soggetti ai quali viene preclusa la possibilità dicomprendere il valore dell’agnizione in atto nella scena principale. Lo spazioè infatti annullato dal pathos che scaturisce dall’incontro fra i protagonisti,così come risulta esclusa la profondità, che viene sostituita da un’ intensacarica emotiva e poetica. Emilio Greco nasce a Catania l'11 ottobre 1913.Tra i primi successi ricordiamo il suo ingresso nel 1947 a Villa Massimo,dove risiedevano artisti come Leoncillo, Guttuso e Mazzacurati. Qui preparala mostra per la Galleria del Secolo realizzata nel 1948, con una prefazionein catalogo di Fortunato Bellonz. Nello stesso anno, l’artista prende partealla mostra sulle olimpiadi, tenutasi a Londra al Victoria and Albert Museum.Successivamente, nel 1949, Emilio Greco partecipa alla grande mostra Arteitaliana del ventesimo secolo, curata da Alfred Barr nel Museum of ModernArt di New York e, nello stesso periodo, la Tate Gallery di Londra acquisiscel’opera Donna seduta. Nel 1965 Greco vince il prestigioso Gran Premio diScultura alla XXVIII Biennale di Venezia, con l’opera Grande Bagnante N. 1e nel 1962 viene incaricato di scolpire le porte del duomo d'Orvieto, allequali lavorerà nei tre anni successivi. Con una grande mostra antologica alui dedicata nel 1971, Greco espone presso Palazzo dei Diamanti di Ferrara;la stessa mostra verrà poi trasferita a Tokyo, al Modern Fine Arts Museum diKobe, a Yamaguchi e a Hiroshima. Sempre in Giappone, lo scultore inauguranel 1973 un’esposizione permanente, il Greco Garden, nell’Hakone OpenAir Museum. Tra il 1979 e il 1980, l’artista espone al Museo dell’Ermitagedi Leningrado e al Museo Puskin di Mosca. Gli anni ’80 vedono lo scultoreprotagonista di una serie di grandi antologiche tra cui quella al Palazzo Papaledi Orvieto, al Castello Ursino di Catania, al Castel Sant’Angelo di Roma e infinea Firenze negli spazi di Palazzo Pitti. A lui sono dedicati due musei: quello diOrvieto, che raccoglie le testimonianze più importanti del suo lavoro, e quellodi Catania, inaugurato nel 1994. Il grande scultore muore a Roma nel 1995.

Stima

€ 25.000,00 - € 35.000,00

CONTATTA IL DIPARTIMENTO


Memmo Grilli

memmogrilli@blindarte.com
 

Assist

info@blindarte.com

NAPOLI | +39 081 2395261
assist@blindarte.com 

MILANO |
+39 02 36565440
assistmilano@blindarte.com