Italian English
Benvenuto | Accedi | Registrati




Asta 83 - Arte Moderna e Contemporanea + Design

martedì 30 maggio 2017
Milano, Ore 18,00

BLINDARTE

ASTA ARTE MODERNA E CONTMEPORANEA + DESIGN
MILANO, 30 MAGGIO 2017 ore 18

Esposizioni:
NAPOLI da 9 al 14 maggio, via Caio Duilio 10 - Sede BLINDARTE NAPOLI
MILANO dal 19 maggio alla data dell’asta, Via Palermo 11 - Sede BLINDARTE MILANO

Il 30 maggio alle ore 18 avr? luogo a Milano presso la sede BLINDARTE di Via Palermo 11, l’asta di arte moderna e contemporanea + design.

La raccolta di opere ed oggetti ? molto ricca e come sempre comprende diversi pezzi rari e provenienti da collezioni private.
Senza dubbio va notato l'imponente dipinto di Mimmo Paladino dal titolo PASTO che, eseguito nel 1980, pu? essere considerato uno dei primi e pi? significativi esempi della TRANSAVANGUARDIA, il movimento, terrorizzato da Achille Bonito Oliva, di arte italiana che maggiormente far? parlare di s? a livello internazionale nei periodi successivi. L’imponente opera, assai materica, ? presentata in asta con una valutazione di euro 100.000/150.000.
Nel catalogo spicca anche un’opera di Giuseppe Uncini, il grande maestro del cemento e dell’acciaio, che ultimamente ha riscontrato un vertiginoso incremento di successi anche sul mercato internazionale. La sua grande opera in cemento e ferro, dal titolo Muri di cemento n 124, cm 157x103 eseguita nel 2001 ? stimata 60.000/80.000 euro.
Degna di nota l’opera di Getulio Alviani del 1971, dal titolo Superficie a testura vibratile 71076. La datata opera in alluminio, cm 72x72, ? presentata in asta con una stima di euro 40.000/60.000.
Ancora da notare la luminosa e datata opera di Nanda Vigo, Cronotopo del 1966, cm 40x40x20, stimata 30.000/40.000
Di Jannis Kounellis, grande artista recentemente scomparso per le cui opere c’? moltissima attesa sul mercato, ? presentata una elegante lamiera smaltata del 2014, cm 100x70, esposta in una delle sue ultime personali a Napoli, e stimata 50.000/70.000 euro.
Particolarmente interessanti sono anche la grande tela Afferrare la magia di Carla Accardi del 2003, cm 110x160, gi? esposta alla personale dell’artista al MACRO nel 2005, stimata 30.000/40.000 euro e il particolare arazzo di Alighieri Boetti, registrato presso l’Archivio Boetti, dal titolo Simmetrie Speculari, del 1990 ca. cm 28x26, e stimato 30.000/40.000

Una sezione del catalogo ? dedicata alla Collezione d’arte della Tirrenia, ultima occasione per acquistare opere che furono della celebre compagnia di Navigazione e che sono state per tantissimi anni esposte nel bellissimo palazzo Sirignano, sede della compagnia, alla Riviera di Chiaia a Napoli. Tra le opere spiccano 3 dipinti di Alberto Savinio del 1949, che furono realizzati dall’artista per le cabine della 1a Classe della Nave "Conte di Biancamano”. Ciascuno di questi dipinti ? presentato in asta con una valutazione di euro 50.000/80.000. Della stessa collezione va notato il grande dipinto su tela di Antonio Corpora del 1964 “Passaggio a Gibilterra”, presentato con una valutazione di euro 12.000/18.000 e la museale scultura di Emilio Greco realizzata nel 1965 a Roma. L’opera in bronzo dal titolo “Ritorono di Ulisse” di dimensioni cm 125x106x16 ? proposta con una stima di euro 25.000/35.000.

Un’altra sezione del catalogo ? dedicata alla collezione dello psichiatra-psicanalista napoletano Paolo Schettino, tra le cui opere, di gran gusto, va segnalato il grande olio su tela di Ennio Finzi, dal titolo Cromovibrazione: blu-bianco del 1975, cm 134x134, gi? esposto alla Fondazione Bevilacqua la Masa a Venezia nel 1980, e stimato 8.000/12.000 euro.

Da segnalare inoltre la presenza nel catalogo di 2 opere di Gerhard Richter, chicche di quest’asta, una dal titolo Miniatures, olio su tela del 1996, cm 8x8, stimata 45.000/65.000 euro ed un intensissimo olio su fotografia del 23 Feb.2001 con eguale stima.
Rarissimo e molto bello olio su tela di Toshimitsu Imai, dal titolo Avalanche, l’opera molto materica, cm 73x60 eseguita nel 1963, proveniente dalla galleria Il Centro ? stimata 40.000/60.000 euro.

Da notare anche una singolare opera di Urs Luthi, the remains of charity: The Jogger, scultura in gesso bianco che riproduce l’artista che gira su se stessa grazie ad un motore all’interno di una vetrina. L’opera gi? esposta presso la Galerie Lelong, ? proposta con una valutazione di euro 15.000/20.000. Oltre a diverse fotografie di Shirin Neshat, tra cui The book of Kings, con inchiostro di calligrafia originale, stimata 10.000/15.000 euro, e Crucifix l’importante fotografia del 1983 di Andres Serrano in edizione di 4 esemplari, stimata 10.000/15.000 euro, segnaliamo ancora una grande opera su stoffa di Thomas Schutte, stimata 20.000/30.000 euro, proveniente dalla galleria Tucci Russo; Brazil, la grande sfera presentata alla Biennale di Venezia nel 2003 da Patrick Tuttofuoco e un intrigante e misterioso lampadario di Flavio Favelli, un importante scultura di Andreas Slominski (Bird snares, 1996/97, stimata 10.000/15.000) ed una di John Bock.

A completare una raccolta di vetri di design tra cui Venini, Seguso, un lampadario di Carlo Scarpa e sempre nella sezione di DESIGN anche il celebre tavolo in marmo Delfi, di Marc Breuer e Carlo Scarpa, stimato 4.500/6.500 euro.