Italian English
Benvenuto | Accedi | Registrati




Asta 50 - Dipinti XIX-XX secolo, Incisioni, Libri, Disegni, Dipinti Antichi

domenica 11 dicembre 2011
Ore 17:30 ------ Esposizione dal 3 Dicembre 2011 tutti i giorni 10.00 - 19.00 anche festivi

BLINDARTE

Asta n.50

Dipinti XIX – XX secolo, Incisioni, Libri, Disegni I Sessione - Domenica 11 dicembre 2011 – ore 17,30
Dipinti Antichi II Sessione – Domenica 11 dicembre 2011 - ore 19.00

Asta n.51

Argenti, Oggetti d’arte, Porcellane e Arredi – Lunedì 12 dicembre 2011 – ore 16.30

COMUNICATO STAMPA


Domenica 11 dicembre 2011 presso la Blindarte Casa d’Aste di Napoli, alle ore 17.30 si terrà l’asta n. 50 di Dipinti XIX-XX secolo, Incisioni, Libri, Disegni, Dipinti Antichi e Lunedì 12 dicembre 2011 alle ore 16.30 l’asta n. 51, in cui saranno battuti Argenti, Oggetti d'arte, Porcellane e Arredi.

Nel Catalogo della I Sessione d'asta, dedicata ai Dipinti XIX-XX secolo, Incisioni, Libri, Disegni presentiamo due autentiche chicche per i collezionisti firmate Christoph Heinrich Kniep e datate 1787, Rovine del tempio di Venere a Baia e Rovine del Tempio di Proserpina sul Lago d'Averno (coppia di matita, china, acquerellata a seppia su carta, cm 52x74 cad., stima € 12.000/18.000). Tra i numerosi lotti offerti spicca, inoltre, una carrellata di cinque splendidi disegni di Antonio Senape provenienti dalla collezione privata di Raffaello Causa, Napoli.

Figurano in catalogo una notevole selezione di dipinti di artisti italiani, tra cui si distinguono un bellissimo Banchetto sulla riva databile intorno al 1840 e firmato Pasquale Mattej (cm 20,5x30,5, stima € 8.000/12.000) raffigurante uno scorcio di Ventotene con l'isola di Santo Stefano; e un Ritratto dei figli di Francesco IV di Modena al Reale Palazzo del Cataro di Bernardino Rossi (cm 62x78,5, stima € 20.000/30.000) che ha partecipato alla recente mostra “da Canova a Modigliani: il volto dell'Ottocento" tenutasi a Padova.

Ricordiamo inoltre che nella sezione sono presenti importanti opere di Maestri napoletani tra i quali Raffaele Ragione e Vincenzo Irolli.

Il Catalogo relativo alla II Sessione d’asta dei Dipinti Antichi, invece, propone un’importante selezione di opere, tra cui segnaliamo una particolare (35x123) e pluripubblicata veduta di Napoli dal Mare su rame, firmata, di Orazio Grevenbroeck (stima € 50.000/70.000); un intenso San Girolamo, di Gaspare Traversi (olio su tela, cm 69x56, stima € 60.000/90.000) anche questo con molte pubblicazioni ed una grande Maddalena penitente di Pacecco de Rosa (olio su tela, cm 200x146, stima € 30.000/40.000).

Inedito e bellissimo è il Martirio di Sant’Agata di Salvator Rosa, databile negli anni della breve fase napoletana del pittore (olio su tela, cm 112x149, stima € 40.000/60.000), che sarà inserito dalla Prof.ssa Caterina Volpi nella monografia su Salvator Rosa in corso di pubblicazione; non mancherà inoltre di suscitare curiosità fra i collezionisti-studiosi il sellittiano San Lorenzo che distribuisce l’elemosina, databile intorno al 1620, ed attribuito ad un anonimo pittore napoletano, forse l’ancora poco conosciuto Maestro di Capua (olio su tela, cm 130x155, stima € 25.000/40.000).



Ma la vera chicca per i collezionisti, napoletani e non, è la coppia di oli su tela (cm 57x85 cad.) di Carlo Bonavia, ancora in prima patina, dove, contrariamente alle solite vedute del pittore che combinano spesso vedute reali con elementi di fantasia, si identificano chiaramente due luoghi simbolo del paesaggio costiero napoletano (Marechiaro e la Gaiola) ed anche la stima (€ 45.000/70.000) può rappresentare una bella sorpresa, considerati i recenti risultati di paesaggi analoghi in altre aste.

Si segnalano inoltre due grandi oli su tela (cm 96x149 cad.), Rovine di un edificio classico di ordine corinzio presso un fiume, con un borgo rurale e un ponte a destra sullo sfondo e astanti vari e Rovine di edifici classici presso un fiume con un obelisco piramidale e con un cenotafio antico ornato da un rilievo e i resti di un anfiteatro con astanti vari entrambi di Apollonio Domenichini, alias Maestro delle vedute della Fondazione Langmatt (stima € 40.000/60.000 cad.).

Concludiamo con una monumentale opera del Maestro napoletano Leonardo Coccorante Capriccio di rovine antiche con un edificio fantastico presso una costa mediterranea, con astanti vari (olio su tela, cm 185x235, stima € 70.000/100.000) e un grande e raro Ritratto di gentiluomo (olio su tela, cm 127x96, stima € 8.000/12.000) della ritrattista veneziana Maria Robusti detta “Tintoretta”, figlia del noto pittore Jacopo Robusti il “Tintoretto”, della quale sono noti solo pochissimi dipinti, tra cui il suo autoritratto esposto agli Uffizi di Firenze.

Il Catalogo di Lunedì 12 dicembre, propone invece un’importante selezione di Argenti, Oggetti d’arte, Porcellane e Arredi tra i quali spiccano un’importante Specchiera veneta del XVIII secolo (cm 145x91, stima € 7.000/10.000) e una coppia di Comò francesi della fine del XVIII secolo (cm 94,5x122x54 cad., stima € 22.000/28.000).


Catalogo online: www.blindarte.com